I Benefici degli Omega 3

Nel corso degli ultimi anni, moltissime ricerche scientifiche pubblicate ed in fase di pubblicazione, hanno dimostrato che gli omega tre, assunti nell’ambito di un’alimentazione equilibrata svolgono importanti azioni protettive sull’organismo umano, contribuendo ad apportare innumerevoli benefici per la salute.

 

Riassumiamo qui di seguito alcune tra le indicazioni associate all’assunzione degli di alcuni acidi grassi omega-3 approvate dall’EFSA (European Food Safety Authority) o più presenti nelle più recenti pubblicazioni scientifiche.

METABOLISMO:

L’EPA e il DHA contribuiscono al mantenimento dei normali livelli di trigliceridi nel sangue regolando indirettamente l’ossidazione degli acidi grassi e la diminuzione della loro sintesi.

 
CUORE:

L’EPA e il DHA contribuiscono alla normale funzione cardiaca e (studio GISSI-Prevenzione) si sono dimostrati efficaci nel ridurre la mortalità cardiovascolare ed in particolare nella riduzione della morte cardiaca improvvisa.


INFIAMMAZIONE:

La combinazione di EPA e DHA sono in grado di neutralizzare gli effetti negativi proinfiammatori derivati dall’acido arachidonico (eicosanoidi “cattivi”). Secondo un recente articolo pubblicato dalla scuola medica di Harvard (Serhan 2005; Serhan et Al 2014) una dieta ricca di omega 3 aiuta ad ottimizzare e concludere il processo infiammatorio di tipo riparativo.

CERVELLO

IL DHA contribuisce al mantenimento della normale funzione cerebrale. E’ incorporato nelle membrane cellulari neuronali ed è l’acido grasso più presente nella materia grigia celebrale.      

SVILUPPO DEL FETO:

L'assunzione di DHA da parte della madre contribuisce al normale sviluppo celebrale, degli occhi e delle capacità visive nel feto e nei lattanti allattati al seno.

La futura mamma dovrebbe assumere gli omega-3 per avere a disposizione quantità sufficienti di DHA da trasmettere al feto sin dalla sua formazione. Durante le ultime settimane di gestazione e nei primi mesi di vita, si completa lo sviluppo della retina e del cervello, organi particolarmente ricchi di DHA, indispensabile per il loro ottimale funzionamento.

VISTA:

Il DHA contribuisce al mantenimento della normale capacità visiva.

SPORT:

L'azione antinfiammatoria di EPA e DHA si sarebbe rivelata utile in atleti di endurance, sottoposti a sessioni allenanti o a competizioni particolarmente intense.
In questo contesto, l'olio di pesce potrebbe contribuire alla prevenzione delle lesioni neuro-muscolari legate all'esercizio fisico intenso riducendo i rischi di infortunio e i tempi di recupero.

CONTROINDICAZIONI:

Non esistono particolari controindicazioni verso l’assunzione degli acidi grassi omega-3, è però importante confrontarsi con il proprio medico nel caso di terapie farmacologiche con anticoagulanti ed antiaggreganti, gravidanza o allattamento e prima di interventi chirurgici.

bibliografia

Berbert A.A., Kondo C.R., Almendra C.L., Matsuo T., Dichi I. Supplementation of fish oil and olive oil in patients with rheumatoid arthritis. Nutrition, 21(2):131-6, 2005

Bourre J.M. Roles of unsaturated fatty acids (especially omega-3 fatty acids) in the brain at various ages and during ageing. J Nutr Health Aging, 8(3):163-74, 2004.

Conklin S.M., HarrisJ.I, Manuk S.B.,Yao J.K., Hibbeln J.R., Muldoon M.F. Serum omega-3 fatty acids are associated with variation in mood, personality and behavior in hypercholesterolemic community volunteers. Psychiatry Res, 22; 2007.

Germano M., Meleleo D., Montorfano G.,Adorni L., Negroni M., Berra B., Rizzo A.M. Plasma, supplementation in children with attention deficit hyperactivity disorder (ADHD). Nutritional Neuroscience,Volume 10, Issue 1 & 2 , pages 1 - 9, 2007

Grimble R.F. e Tappia P.S.: Modulation of pro-infiammatory cytokine biology by unsaturated fatty acids. Z. Emahrungswiss, 37 suppl., 1: 57-65, 1998.

Lauritzen L., Jorgensen M.H., Mikkelsen T.B., Skovgaard M., Straarup E.M., Olsen S.F., Hoy C.E., Michaelsen K.F. Maternal fish oil supplementation in lactation: effect on visual acuity and n-3 fatty acid content of infant erythrocytes. Lipids, 39(3):195-206, 2004.

Neuriger M., Reisbick S., Janowsky J.:The role of n-3 fatty acids in visual and cognitive deve- lopment: current evidence and methods of assessment. J. Pediatr., 125: 39-47, 1994.

Poli A.:Acidi grassi omega-3 e prevenzione cardiovascolare.Trends in Medicine, volume 2, numero 3, PPG Edizioni Scientifiche 2002.

Saldeen P., Saldeen T. Women and omega-3 Fatty acids. Obstet Gynecol Surv., 59(10):722-30, quiz 745-6, 2004

Sears B.: “The Antinflammation Zone”, Regan Books, New York, 2005.