Vitamine Minerali

VIGORE

Vitamine e Minerali

Acquista
€5,50
Condividi su:
categoria:

con edulcoranti

È un integratore alimentare multivitaminico multi-minerale completo in compresse effervescenti.

Confezione da 20 compresse effervescenti

Modalita' d'uso
1 compressa al giorno, da sciogliere in un bicchiere (200 ml) d'acqua. 


Prodotto in Svizzera |  Confezione da 90 g


Matt ti aiuta a riciclare

Tubo: PLASTICA

Tappo: INDIFFERENZIATA

Verifica le disposizioni del tuo Comune


Correttori di acidità: acido citrico, carbonato acido di sodio; maltodestrine; Acido L-ascorbico; Vit. E Acetato; edulcoranti: ciclammato di sodio, sale sodico della saccarina; Ferro citrato; colorante: rosso di radice di barbabietola; aroma naturale di arancia; Nicotinamide; Retinolo palmitato; Calcio d-pantotenato; Zinco ossido; Manganese solfato monoidrato; Rame gluconato; Cianocobalamina; Colecalciferolo; Riboflavina 5 fosfato sodico; Piridossina cloridrato; Tiamina mononitrato; Acido Folico; Ioduro di Potassio. SENZA GLUTINE

Contenuti medi per dose (1 cpr)  %VNR*
Acido Folico 200 mcg 100
Acido Pantotenico 6 mg 100
Vitamina A 800 mcg 100
Vitamina B1 1,1 mg 100
Vitamina B2 1,4 mg 100
Vitamina B6  1,4 mg 100
Vitamina B12 2,5 mcg 100
Vitamina C 80 mg 100
Vitamina D 5 mcg 100
Vitamina E 12 mg 100
Niacina 16 mg 100
Ferro 7 mg 50
Iodio 150 mcg 100
Manganese 2 mg 100
Rame 0,5 mg 50
Zinco 5 mg 50

*VNR: Valori Nutritivi di Riferimento

Conservare in luogo fresco e asciutto. Il termine minimo di conservazione si riferisce al prodotto correttamente conservato in confezione integra. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

ACIDO FOLICO:

L'acido folico o vitamina B9 partecipa a diversi processi biologici critici e il suo deficit nell'organismo si manifesta con sintomi neurologici, astenia, stanchezza, irritabilità, cefalea, difficoltà di concentrazione, crampi, palpitazioni.
L'acido folico si ritrova naturalmente nei vegetali verdi a foglia larga (spinaci, cavolo, scarola, bietole, tarassaco, radicchio), nelle arance, nei broccoli, nei cavolfiori, nel fegato e nel lievito di birra.
L'acido folico diminuisce il rischio di difetti del tubo neurale e altre malformazioni congenite, le donne in gravidanza devono, quindi, aumentare l'assunzione di acido folico per prevenire la spina bifida e l'anencefalia del nasciturno.
L'acido folico contribuisce alla crescita dei tessuti materni in gravidanza, alla sintesi degli amminoacidi, all'emopoiesi (processo di produzione delle cellule del sangue), al metabolismo dell'omocisteina, alla funzione psicologica, alla funzione del sistema immunitario, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento, interviene, inoltre, nel processo di divisione delle cellule.

ACIDO PANTOTENICO:

L'acido pantotenico o vitamina B5, appartiene alle vitamine del gruppo B ed è un nutriente essenziale per l'alimentazione umana. Un deficit di acido pantotenico è raro nell'uomo e i sintomi (cefalea, astenia, insonnia, disturbi intestinali, alterazione della produzione di anticorpi ecc.) appaiono in condizioni di grave malnutrizione.
L'acido pantotenico si trova in alimenti sia di origine animale che di origine vegetale: fegato, tuorlo d'uovo, avocado, anacardi, noccioline, riso integrale, soia, lenticchie, broccoli, latte, pappa reale e lievito di birra. L'acido pantotenico viene sintetizzato dalla microflora intestinale e ciò può contribuire al fabbisogno dell'organismo.
L'acido pantotenico contribuisce al metabolismo energetico, alla sintesi e al metabolismo degli ormoni steroidei, alla sintesi della vitamina D e di alcuni neurotrasmettitori, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento.

VITAMINA A:

Per vitamina A si intende un gruppo di sostanze liposolubili (retinoidi) il cui capostipite è il retinolo.
E' essenziale oltre che per il meccanismo di visione, anche per la differenziazione cellulare e quindi per la crescita e per la riproduzione sessuale. Una carenza di vitamina A può provocare cecità notturna, danneggiamento della cornea, ritardo della crescita. Il retinolo si trova essenzialmente negli oli di fegato di pesce o di altri animali in minore quantità, nelle uova e nel latte. Nei vegetali invece sono presenti i carotenoidi, specialmente in quelli di colore giallo, arancio, verde scuro o rosso.
La vitamina A contribuisce al mantenimento della capacità visiva normale, al normale metabolismo del ferro, al mantenimento di membrane mucose normali, al mantenimento di una pelle normale, alla normale funzione del sistema immunitario e interviene nel processo di specializzazione delle cellule.

VITAMINA B1:

Vedi Tiamina

VITAMINA B2:

Vedi Riboflavina

VITAMINA B6:

Il termine di vitamina B6 raggruppa una serie di composti convertibili metabolicamente fra di loro, quali la piridossina, il piridossale e la piridossamina. Essa è prevalentemente coinvolta nel metabolismo degli aminoacidi e del glicogeno, nella sintesi di acidi nucleici, emoglobina e neurotrasmettitori. Una carenza di vitamina B6 comporta screpolatura delle labbra, infiammazione della lingua, stomatiti, anemia, irritabilità, stato confusionale, depressione. In natura è presente sia nei vegetali che negli alimenti di origine animale, tra cui: carne, pesce, uova, frutti diversi dagli agrumi. La vitamina B6 contribuisce al normale metabolismo energetico, alla normale sintesi della cisteina, al normale funzionamento del sistema nervoso, al normale metabolismo dell'omocisteina, al normale metabolismo delle proteine e del glicogeno, alla normale funzione psicologica, alla normale formazione dei globuli rossi, alla normale funzione del sistema immunitario, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento e alla regolazione dell'attività ormonale.

VITAMINA B12:

Con il nome di vitamina B12 si intende un gruppo di sostanze chiamate cobalamine le cui principali sono cianocobalamina, idrossicobalamina, metilcobalamina e 5-metildesossiadenosilcobalamina. Essa è necessaria per la sintesi dei globuli rossi, per cui una delle conseguenze in casi di carenza è l’anemia, inoltre, fa parte di un coenzima coinvolto nel metabolismo e nella sintesi degli acidi nucleici (DNA e RNA). Affinché venga assorbita, è indispensabile la presenza di una sostanza chiamata “fattore intrinseco” che viene sintetizzato nello stomaco. Una carenza di vitamina B12 si può manifestare nei soggetti vegetariani o in caso di gravidanza ed allattamento, con rischio di gravi anomalie neurologiche nel nascituro. La vitamina B12 è presente esclusivamente negli alimenti di origine animale (tuorlo d'uovo, molluschi, ostriche, sardine, salmone) e fra questi il fegato, il cervello e i reni sono quelli in assoluto più ricchi.
La vitamina B12 contribuisce al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso, al normale metabolismo dell'omocisteina, alla normale funzione psicologica, alla normale formazione dei globuli rossi, alla normale funzione del sistema immunitario, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento e interviene nel processo di divisione delle cellule.

VITAMINA C:

L’acido ascorbico o vitamina C è una molecola dal forte potere antiossidante, grazie al quale esplica numerose funzioni fisiologiche nell’organismo umano. Impedisce l’ossidazione dei tessuti corporei bloccando i radicali liberi dell’ossigeno e potenzia l’azione antiossidante della vitamina E. È inoltre di fondamentale importanza per la formazione dei tessuti connettivi. La sua presenza favorisce l’assorbimento intestinale del ferro. Un deficit di vitamina C determina l'insorgenza dello scorbuto, una patologia che si manifesta con gengive infiammate e sanguinanti, ecchimosi, debolezza dei capelli, occhi e fauci secche, debolezza muscolare, anemia e problemi che coinvolgono gli apparati di tutto l'organismo. La vitamina C e presente in frutta e verdura principalmente nei peperoni, agrumi, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, verze, cavolo rosso, spinaci, fragole. Bisogna però evitare eccessivi lavaggi con acqua e cotture troppo prolungate, specialmente le bolliture, in quanto la vitamina è fortemente idrosolubile, labile al calore e facilmente ossidabile. La vitamina C contribuisce alla normale formazione del collagene per la normale funzione dei vasi sanguigni, per la normale funzione delle ossa, per la normale funzione delle cartilagini, per la normale funzione delle gengive, per la normale funzione della pelle, per la normale funzione dei denti. Contribuisce al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso, alla normale funzione psicologica, alla normale funzione del sistema immunitario, alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento, alla rigenerazione della forma ridotta della vitamina E e accresce l'assorbimento del ferro.

VITAMINA D:

Il calciferolo o vitamina D è presente in due forme, una è la vitamina D2 o ergocalciferolo, di origine vegetale; l’altra è la vitamina D3 o colecalciferolo, derivante dal colesterolo e quindi di origine animale. In realtà la vitamina D3 può anche essere sintetizzata dall’organismo umano in seguito ad una reazione che avviene grazie all’esposizione della pelle alla luce del sole. La sua funzione è quella di stimolare l’assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; la regolazione, in sinergia con l’ormone paratiroideo, dei livelli plasmatici di calcio; il mantenimento di un’adeguata mineralizzazione dello scheletro. Il deficit di vitamina D comporta una demineralizzazione dello scheletro che provoca rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti. La vitamina D risulta essere molto abbondante nell’olio di fegato di merluzzo, che di norma non viene consumato come alimento, mentre, altre fonti meno rilevanti sono i pesci, soprattutto quelli grassi, il fegato, il burro, i formaggi e le uova. La vitamina D contribuisce al normale assorbimento/utilizzo del calcio e del fosforo, a normali livelli di calcio nel sangue, al mantenimento di ossa e denti sani, al mantenimento della normale funzione muscolare, alla normale funzione del sistema immunitario, interviene nel processo di divisione delle cellule. La vitamina D è, inoltre, necessaria per la normale crescita e per lo sviluppo osseo nei bambini.

VITAMINA E:

Per vitamina E si intende una famiglia di sostanze liposolubili essenziali per l'uomo, il cui capostipite è l'alfa-tocoferolo.  L’azione biologica della Vitamina E è dovuta essenzialmente alla sua attività antiossidante, infatti essa previene la propagazione dell’ossidazione degli acidi grassi polinsaturi e quindi delle membrane cellulari. Un suo deficit, seppur raro, può determinare l'insorgenza di malattie degenerative. La vitamina E è abbondante nei semi, nella frutta e negli oli vegetali. La cottura degli alimenti e la raffinazione dei grassi ne comporta grandi perdite. La vitamina E contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.

NIACINA:

Con il termine niacina, vitamina PP o vitamina B3, vengono indicati sia l’acido nicotinico che la nicotinamide.
Una carenza di niacina determina la pellagra che si manifesta con dermatite, diarrea e demenza e che se non trattata può portare alla morte.
La niacina è contenuta in alimenti quali carne, pesce, legumi e lievito.
La niacina contribuisce al metabolismo energetico, al funzionamento del sistema nervoso, alla funzione psicologica, al mantenimento delle membrane mucose e della pelle e alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento

FERRO - Fe:

Il ferro è un minerale essenziale per la nutrizione umana, è necessario, infatti, per la sintesi di emoglobina e la sua carenza si manifesta con l'anemia. Sebbene il ferro sia essenziale per una serie di processi biologici vitali, è allo stesso tempo una sostanza tossica se assunto in dosi eccessive. Le principali fonti di ferro sono i vegetali a foglia verde, i legumi e la carne. Il ferro è presente negli alimenti in due forme: ferro EME e ferro NON EME. Il primo è presente nelle proteine della carne e viene assorbito in misura del 25% di quello presente, indipendentemente dalla composizione della dieta e dallo stato di salute dell’individuo. Il ferro NON EME è presente nei vegetali, il suo assorbimento è di gran lunga minore, dal 2 al 13% di quello presente ed inoltre dipende dalla presenza di alcune sostanze, come la vitamina C, che lo promuove, e di fitati e polifenoli, che invece lo inibiscono.
Il ferro contribuisce alla funzione cognitiva, al metabolismo energetico, alla formazione dei globuli rossi e dell'emoglobina, al trasporto di ossigeno nell'organismo, alla funzione del sistema immunitario, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento e interviene, inoltre, nel processo di divisione delle cellule.

IODIO - I:

Lo iodio è un minerale essenziale per il funzionamento della ghiandola tiroide, è, infatti, uno dei componenti degli ormoni tiroidei che garantiscono il corretto sviluppo e matebolismo dell'organismo.
Una modesta carenza di iodio determina il gozo mentre carenze più importanti causano mixedema nell'adulto ed il cretinismo endemico nel bambino.
Lo iodio è principalmente presente nei sali iodati, in pesci e alghe, si trova, inoltre, in uova, latte, carne.
lo iodio contribuisce alla funzione cognitiva, al metabolismo energetico, al funzionamento del sistema nervoso, alla produzione di ormoni della tiroide e della funzione tiroidea, al mantenimento della pelle.

MANGANESE - Mn:

Il manganese è un minerale che favorisce l'attività di alcuni enzimi nel nostro organismo.
Le fonti alimentari più ricche di manganese sono il frumento integrale, noci e il tè.
Il manganese contribuisce al metabolismo energetico, al mantenimento della struttura ossea, alla formazione di tessuti connettivi e alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.

RAME - Cu:

Il rame è un minerale essenziale per la nutrizione umana e la sua carenza, seppur rara, si manifesta con anemia, osteoporosi, aritmie cardiache, perdita di pigmentazione ecc. Le principali fonti di rame sono noci, legumi, crostacei, ostriche.
Il rame contribuisce al mantenimento di tessuti connettivi normali, alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo, al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso, al trasporto di ferro nell'organismo, alla normale funzione del sistema immunitario, alla normale pigmentazione dei capelli e della pelle.

ZINCO - Zn:

Lo zinco è un metallo essenziale per la nutrizione umana in quanto svolge molteplici ruoli biologici. Una carenza di zinco può determinare disfunzioni immunitarie, perdita di peso, rallentamento della guarigione delle ferite, aumentato rischio di aborto, disfunzioni della pelle ecc.
Gli alimenti nei quali lo zinco è maggiormente presente sono: carne di manzo, agnello e maiale, germe di grano, lievito di birra, uova, semi di zucca e senape. Lo zinco
contribuisce al metabolismo acido-base, al metabolismo dei carboidrati, alla funzione cognitiva, alla sintesi del DNA, alla normale fertilità e riproduzione, al normale metabolismo dei macronutrienti, degli acidi grassi e della vitamina A, alla normale sintesi proteica, al mantenimento di ossa, capelli, unghie e pelle sane, al mantenimento di normali livelli di testosterone nel sangue, al mantenimento della capacità visiva normale, alla normale funzione del sistema immunitario, alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo e interviene nel processo di divisione delle cellule.