Panificazione

Proteincrok

barretta proteica salata

Acquista
€1,90
Condividi su:
categoria:

Proteincrok è un'innovativa barretta salata, specificatamente formulata con un mix esclusivo di cereali, semi e legumi, ricca di proteine vegetali, per rispondere alle esigenze alimentari vegan. Ricca di fibre e con ingredienti 100% naturali è un valido aiuto per chi vuole alimentarsi in modo sano e mantenersi in forma.


logo Vegan

• ricco di Proteine
• ricco di Fibre


Prodotto in Israele |  Confezione da 36 g


Matt ti aiuta a riciclare

Confezione: POLIPROPILENE (BOPP)

Verifica le disposizioni del tuo Comune


 

Mix di cereali 21% (riso integrale, quinoa, amaranto, miglio), SOIA soffiata
(20%), fibre vegetali, semi di girasole (11%), amido di tapioca, ceci (7%), olio d'oliva, SESAMO (4%), proteine del pisello (3%), carota disidratata, sale, santoreggia, origano.
Può contenere tracce di FRUTTA A GUSCIO e ARACHIDI.

Informazioni nutrizionali per 100 g per snack da 36 g circa
Energia 1575 kJ 567 kJ
  378 kcal 136 kcal
Grassi 15,6 g 5,6 g
  di cui acidi grassi saturi 2 g 0,7 g
Carboidrati  29,3 g 10,5 g
  di cui zuccheri 4,9 g 1,8 g
Fibre 20 g 7,2 g
Proteine 20 g 7,2 g
Sale 1,36 g 0,49 g

Conservare in luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.

RISO:

Oryza sativa - pianta erbacea annuale della famiglia delle Graminaceae, di origine asiatica.
Il riso rappresenta il secondo cereale più importante al mondo. I popoli orientali si nutrono quasi esclusivamente di riso. In Italia è stato introdotto nel Medio Evo, poi è stato ampliamente coltivato in Lombardia e Piemonte; qui la sua coltivazione è stata facilitata grazie alla elevata disponibilità di terreni pianeggianti e riccamente irrigati. È un’ottima fonte di carboidrati, in particolare amido, ed una discreta quantità di proteine. Il principale vantaggio del riso è la completa assenza di glutine. Si rende quindi particolarmente adatto ai soggetti che non possono ingerire alimenti contenenti tale proteina.

QUINOA:

La quinoa (in spagnolo quínoa o quínua - Chenopodium quinoa Willd) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Chenopodiaceae, come gli spinaci o la barbabietola. Per il suo buon apporto proteico costituisce l’alimento base per le popolazioni andine. La quinoa è un alimento particolarmente dotato di proprietà nutritive. Contiene fibre e minerali, come fosforo, magnesio, ferro e zinco. È anche un’ottima fonte di proteine vegetali. Contiene inoltre grassi in prevalenza insaturi. La quinoa, inoltre, è particolarmente adatta per i celiaci, in quanto è totalmente priva di glutine.

AMARANTO:

E’ una pianta erbacea originaria del centro America che appartiene alla famiglia delle Amarantacee.
Esistono diverse specie del genere Amaranthus, ma solo i chicchi commestibili di tre specie vengono consumati.
L'amaranto viene utilizzato in cucina in svariate preparazioni come se fosse un cereale ed essendo un alimento privo di glutine, viene spesso utilizzato anche dai celiaci.
Il profilo nutrizionale dell'amaranto è ricco di nutrienti preziosi quali proteine (15%), fibre (11%), ferro (7,6 g/100g), calcio (156 mg/100g), magnesio (257 mg/100g), fosforo (506 mg/100g), potassio (437 mg/100g).

MIGLIO:

Panicum miliaceum L. - pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Poacee che rientra nel raggruppamento dei cereali minori. E’ un cereale molto antico, originario dell’Asia centro orientale, coltivato anche dagli antichi egizi che ha una grande importanza nell’alimentazione di alcuni paesi africani e asiatici.
Di sapore dolce e delicato è ricco di sali minerali, ha un buon apporto proteico e i lipidi presenti sono prevalentemente acidi grassi insaturi (78-82%). Grazie all’assenza di glutine, il miglio è un alimento adatto ai celiaci. In fitoterapia il miglio viene utilizzato per il benessere di unghie e capelli e come riscostituente.

SOIA:

Glicine max Merril - è una leguminosa originaria dell’Asia orientale (Manciuria, Cina, Corea). Il suo contenuto proteico è molto elevato, mediamente del 40% contro il 10% dei cereali; i grassi sono il 10% mentre i carboidrati si aggirano attorno al 20%. Le proteine di soia sono nutrizionalmente molto importanti, oltre che dal punto di vista quantitativo, anche dal punto di vista qualitativo, visto che gli aminoacidi essenziali sono tutti adeguatamente rappresentati. La percentuale di grassi insaturi in essa contenuti, è molto elevata e questo aiuta a mantenere corretti livelli di colesterolo nel sangue.
Dalla soia si ricavano anche numerosi prodotti alimentari presenti sempre più massicciamente sul mercato: l’olio di soia, la farina di soia, la lecitina di soia, la salsa di soia (ottimo condimento molto usato nella cucina cinese al posto del sale), latte di soia, gelato di soia, tofu (un formaggio a base di soia), hamburger e salsicce di soia sostitutivi della carne per i vegetariani.

FIBRA:

La fibra è l’insieme di quei carboidrati complessi (polisaccaridi, cellulosa, emicellulosa, lignine, silicati, inulina, oligosaccaridi) e di altre sostanze che compongono le cellule dei vegetali commestibili, non immediatamente digeribili dall’uomo e perciò non assimilate dal nostro organismo. Esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la rendono un'importante componente della dieta umana. Le fibre vengono classificate in solubili ed insolubili a seconda della capacità di assorbire l’acqua.
- Fibre insolubili: sono la cellulosa e la lignina presenti principalmente nella crusca di cereali. Sono in grado di assorbire acqua determinando un aumento della massa fecale, un accelerato transito intestinale, una riduzione del tempo di contatto con la mucosa intestinale di sostanze potenzialmente nocive. Tali fibre sono particolarmente indicate nella regolazione delle funzioni intestinali.
- Fibre Solubili: sono i galattomannani, le pectine, le gomme e le mucillagini, contenuti principalmente nella frutta, in alcuni legumi, nelle verdure e nei fiocchi d’avena. Riescono a formare un gel che consente il rallentamento dello svuotamento gastrico con conseguente senso di sazietà, un rallentamento del transito intestinale, una riduzione dell’assorbimento e della produzione di colesterolo. Sono utili nell’alimentazione di soggetti con disturbi metabolici che traggono vantaggio da un assorbimento dei nutrienti lento o ridotto e nelle diete per la riduzione del peso inducendo un senso di sazietà.
La quantità ottimale di fibra da assumere è nell’ordine di 25-30 grammi al giorno, un’eccessiva quantità potrebbe invece determinare una riduzione dell’assorbimento di elementi minerali di origine alimentare (ferro, calcio, zinco). Per raggiungere tale quantità è auspicabile aumentare il consumo di alimenti ricchi di fibre (cereali, legumi, verdure e frutta).

GIRASOLE:

Helianthus annuus L. - pianta erbacea annua appartenente alla famiglia delle Compositae originaria del Perú e coltivata a scopo industriale. Dai suoi semi se ne ricava l'omonimo olio ricco di acidi grassi insaturi, in particolare oleico  e linoleico (fino al 75%), e che contiene una notevole quantità di vitamina E, che lo preserva dall’irrancidimento conferendogli preziose proprietà antiossidanti.

CECI:

I ceci sono i semi del Cicer arientinum L., pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae. Dopo i fagioli sono i legumi più coltivati e consumati, il cui utilizzo alimentare è possibile solo previa essiccazione. I ceci e la farina di ceci sono ingredienti tipici di numerosi piatti e sono un ottima fonte di proteine (20% circa). Contengono, inoltre, molti minerali quali potassio, fosforo, magnesio. 

ORIGANO:

Origanum vulgare L. - pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae tipica della cucina mediterranea. In erboristeria viene utilizzato per favorire la funzione digestiva, la regolare motilità gastrointestinale e l'eliminazione dei gas. L'origano ha, inoltre, proprietà balsamiche e aiuta la fluidificazione delle secrezioni bronchiali.