Divisione Pharma

Complesso B completo

energia

Acquista
€8,50
Condividi su:
categoria:

Un eccessivo stress psico-fisico, un'intensa attività sportiva o di studio, cambi di stagione, stati di convalescenza, un'alimentazione sbilanciata o terapie antibiotiche prolungate possono provocare carenze o indurre aumentati fabbisogni di vitamine del gruppo B.
La Vitamina PP, la Vitamina B5, la Vitamina B6, la Vitamina B2, la Vitamina B12 contribuiscono al normale metabolismo energetico e alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento.
Complesso B COMPLETO è utile per apportare una quota integrativa di Vitamine del gruppo B.

Confezione da 24 compresse filmate da 350 mg in blister

Modalita' d'uso
Si consiglia di assumere 1 compressa al giorno, preferibilmente lontano dai pasti.


Prodotto in Italia  |  Confezione da 8,4 g


Matt ti aiuta a riciclare

Scatola e foglietto: CARTA

Blister: INDIFFERENZIATA

Verifica le disposizioni del tuo Comune


Agenti di carica: fosfato dicalcico, cellulosa microcristallina; Miscela di Vitamine [Vitamina PP (Nicotinamide), Vitamina B5 (Calcio d-pantotenato), Vitamina B12 (Cianocobalamina), Vitamina B6 (Piridossina cloridrato), Vitamina B2 (Riboflavina), Vitamina B1 (Tiamina cloridrato), Acido Folico (Acido pteroil-monoglutammico), Biotina (D-Biotina)]; agenti antiagglomeranti: sali di magnesio degli acidi grassi, biossido di silicio; agenti di rivestimento: idrossipropilmetilcellulosa, acido stearico; coloranti: biossido di titanio, ossido di ferro. SENZA GLUTINE

Contenuti medi per dose (1 cpr)  %VNR*
Vitamina PP 19 mg 119
Vitamina B5 9,0 mg 150
Vitamina B6 2,1 mg  150
Vitamina B2 1,7 mg 121
Vitamina B1 1,3 mg 118
Acido Folico 240 mcg 120
Biotina  60 mcg 120
Vitamina B12 3,8 mcg 152

*VNR: Valori Nutritivi di Riferimento

Il prodotto contiene vitamine sensibili al calore: si raccomanda di evitare l'esposizione a fonti di calore o sbalzi termici, di conservarlo al riparo dalla luce e a temperatura non superiore a 25°C. Il termine minimo di conservazione si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

VITAMINA PP:

Vedi Niacina

VITAMINA B5:

Vedi Acido pantotenico

VITAMINA B6:

Il termine di vitamina B6 raggruppa una serie di composti convertibili metabolicamente fra di loro, quali la piridossina, il piridossale e la piridossamina. Essa è prevalentemente coinvolta nel metabolismo degli aminoacidi e del glicogeno, nella sintesi di acidi nucleici, emoglobina e neurotrasmettitori. Una carenza di vitamina B6 comporta screpolatura delle labbra, infiammazione della lingua, stomatiti, anemia, irritabilità, stato confusionale, depressione. In natura è presente sia nei vegetali che negli alimenti di origine animale, tra cui: carne, pesce, uova, frutti diversi dagli agrumi. La vitamina B6 contribuisce al normale metabolismo energetico, alla normale sintesi della cisteina, al normale funzionamento del sistema nervoso, al normale metabolismo dell'omocisteina, al normale metabolismo delle proteine e del glicogeno, alla normale funzione psicologica, alla normale formazione dei globuli rossi, alla normale funzione del sistema immunitario, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento e alla regolazione dell'attività ormonale.

VITAMINA B2:

Vedi Riboflavina

VITAMINA B1:

Vedi Tiamina

ACIDO FOLICO:

L'acido folico o vitamina B9 partecipa a diversi processi biologici critici e il suo deficit nell'organismo si manifesta con sintomi neurologici, astenia, stanchezza, irritabilità, cefalea, difficoltà di concentrazione, crampi, palpitazioni.
L'acido folico si ritrova naturalmente nei vegetali verdi a foglia larga (spinaci, cavolo, scarola, bietole, tarassaco, radicchio), nelle arance, nei broccoli, nei cavolfiori, nel fegato e nel lievito di birra.
L'acido folico diminuisce il rischio di difetti del tubo neurale e altre malformazioni congenite, le donne in gravidanza devono, quindi, aumentare l'assunzione di acido folico per prevenire la spina bifida e l'anencefalia del nasciturno.
L'acido folico contribuisce alla crescita dei tessuti materni in gravidanza, alla sintesi degli amminoacidi, all'emopoiesi (processo di produzione delle cellule del sangue), al metabolismo dell'omocisteina, alla funzione psicologica, alla funzione del sistema immunitario, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento, interviene, inoltre, nel processo di divisione delle cellule.

BIOTINA:

La biotina, conosciuta anche come vitamina H o vitamina B8, svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo dei lipidi, glucidi e proteine ed in particolare è un coenzima in diverse carbossilasi. Il deficit di biotina, seppur raro nell'uomo, si manifesta con alterazioni a carico della cute (eruzioni cutanee).
La biotina è ampiamente distribuita negli alimenti ma in quantitativi più bassi rispetto le altre vitamine del gruppo B. Fonti naturali di biotina sono le carni di manzo, vitello, maiale, agnello e pollo, cavolfiore, funghi, carote, pomodori, spinaci, fagioli, piselli secchi, mele, latte umano e vaccino, pesci, uova e formaggi.
La biotina contribuisce al normale metabolismo energetico, al funzionamento del sistema nervoso, al metabolismo dei macronutrienti, alla funzione psicologica, al mantenimento di pelle e capelli sani.

VITAMINA B12:

Con il nome di vitamina B12 si intende un gruppo di sostanze chiamate cobalamine le cui principali sono cianocobalamina, idrossicobalamina, metilcobalamina e 5-metildesossiadenosilcobalamina. Essa è necessaria per la sintesi dei globuli rossi, per cui una delle conseguenze in casi di carenza è l’anemia, inoltre, fa parte di un coenzima coinvolto nel metabolismo e nella sintesi degli acidi nucleici (DNA e RNA). Affinché venga assorbita, è indispensabile la presenza di una sostanza chiamata “fattore intrinseco” che viene sintetizzato nello stomaco. Una carenza di vitamina B12 si può manifestare nei soggetti vegetariani o in caso di gravidanza ed allattamento, con rischio di gravi anomalie neurologiche nel nascituro. La vitamina B12 è presente esclusivamente negli alimenti di origine animale (tuorlo d'uovo, molluschi, ostriche, sardine, salmone) e fra questi il fegato, il cervello e i reni sono quelli in assoluto più ricchi.
La vitamina B12 contribuisce al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso, al normale metabolismo dell'omocisteina, alla normale funzione psicologica, alla normale formazione dei globuli rossi, alla normale funzione del sistema immunitario, alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento e interviene nel processo di divisione delle cellule.