Erboristeria

Calma Stress

meno tensione e stress

Acquista
€10,90
Condividi su:
categoria:

Passiflora • Valeriana • Biancospino • Tiglio

La vita frenetica che caratterizza le nostre giornate e lo stress che accumuliamo non giovano al nostro benessere. La natura ci viene in aiuto con piante in grado di calmarci e permetterci così di affrontare meglio il lavoro e gli impegni quotidiani. La Passiflora, conosciuta fin dal tempo degli Aztechi, favorisce il rilassamento. La Valeriana è preziosa per favorire il rilassamento e il sonno in presenza di stress
Il Biancospino è in grado di esplicare benefici effetti rilassanti. Il Tiglio favorisce il rilassamento nei momenti di maggior bisogno.
Il fitofluido Calma Stress Matt associa questi quattro principi vegetali che, agendo in modo sinergico, possono essere un valido aiuto nei momenti di maggiore tensione e stress.
I Fitofluidi Matt derivano da un procedimento che permette di mantenere inalterate tutte le caratteristiche delle piante utilizzate, e consentono una immediata assimilazione dei principi vegetali in essi contenuti.

Flacone con contagocce

Modalità d'uso
Si consiglia l'assunzione di 20 gocce, diluite in mezzo bicchiere d'acqua, due volte al giorno lontano dai pasti.


 logo Vegan


Prodotto in Italia  |  Confezione da 50 ml


Matt ti aiuta a riciclare

Scatola, foglietto: CARTA

Flacone: VETRO

Tappo: INDIFFERENZIATA

Verifica le disposizioni del tuo Comune


Acqua; poliestratto molle composto da: Passiflora (Passiflora incarnata L.) erba con fiori (40,6%), Valeriana (Valeriana officinalis L.) radici (29%), Biancospino (Crataegus oxyacantha medicus) foglie e fiori (20,3%), Tiglio (Tilia platyphyllos Scop.) foglie e fiori (10,1%); stabilizzante: sorbitolo; conservante: sorbato di potassio; acidificante: acido citrico.
SENZA GLUTINE

Contenuti medi per dose (40 gocce)
Passiflora e.m.* 70 mg
Valeriana e.m.* 50 mg
Biancospino e.m.*  35 mg
Tiglio e.m.* 17,5 mg

* gli estratti molli concentrati riportati in tabella corrispondono a circa: 

Passiflora (Passiflora incarnata) erba con fiori 280 mg
Valeriana (Valeriana officinalis) radici 150
mg
Biancospino (Crataegus oxyacantha) foglie e fiori
105 mg
Tiglio (Tilia platyphyllos) foglie e fiori 52,5 mg

 

Conservare in luogo fresco e asciutto. Il termine minimo di conservazione si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

PASSIFLORA:

Passiflora è un genere appartenente alla famiglia delle Passifloraceae che comprende più di 400 specie di piante erbacee perenni ed annuali. Le specie utilizzate in erboristeria sono la Passiflora edulis Sims, la Passiflora incarnata L.
La Passiflora edulis favorisce il rilassamento e il sonno, ha proprietà antiossidanti, contrasta i disturbi del ciclo mestruale e della menopausa, aiuta la funzionalità articolare e del sistema digerente.
La Passiflora incarnata favorisce il sonno e il rilassamento in caso di stress, è utile per il benessere mentale e la regolare motilità gastrointestinale ed eliminazione dei gas.

VALERIANA:

Valeriana officinalis L. - pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae, che cresce ai margini dei boschi e in prati ombrosi. La valeriana è da sempre conosciuta per le sue proprietà rilassanti, utili in caso di stress e per conciliare un sonno ristoratore.

BIANCOSPINO:

Crataegus oxyacantha auct. - arbusto spinoso dai fiori bianchi e profumati e dalle bacche di colore rosso.
I fiori e le foglie vengono utilizzate per la regolare funzionalità dell'apparato cardiovascolare, per il rilassamento e il benessere mentale, per la regolarità della pressione arteriosa. Anche i frutti favoriscono la regolare funzionalità dell'apparato cardiovascolare.

TIGLIO:

Tilia platyphyllos Scop. - albero appartenente alla famiglia delle Malvaceae, originario dell’emisfero boreale.
I fiori di tiglio favoriscono la funzionalità delle mucose dell'apparato respiratorio, promuovendo il benessere di naso e gola. Hanno effetto rilassante e sono, pertanto, utili in caso di stress e per facilitare il sonno.

INSONNIA:

Disturbo del sonno caratterizzato dalla difficoltà di addormentarsi o di rimanere addormentati durante la notte. In alcuni casi, il sonno, di durata adeguata, è alterato così da sembrare insufficiente o poco ristoratore. Conseguenze dell’insonnia sono senso di stanchezza, cefalea, difficoltà di concentrazione e perdita della memoria a breve termine. Le cause dell’insonnia possono essere ricondotte a particolari stati emotivi (depressione o  disturbi ansiosi, in conseguenza di stati di eccitazione o emozioni intense), oppure all’assunzione prolungata di alcuni farmaci o all’abuso di sostanze eccitanti come il caffè e l’alcol. Si distinguono tre tipi di insonnia: l’insonnia transitoria (in conseguenza di un evento eccitante, di una emozione intensa), quella a breve termine che non dura più di due o tre settimane (le cause sono spesso di tipo emotivo e di conseguenza ad effetti tragici della vita) e quella cronica (che può essere ricondotta a  fattori di natura psicologica, patologica, ambientale o in seguito ad eventi drammatici).

IPERTENSIONE:

In genere col termine ipertensione ci si riferisce all’ipertensione arteriosa, nella quale la pressione del sangue nell’interno delle arterie supera permanentemente certi valori normali, che si mantengono al di sotto dei 90 mmHg per la minima (pressione diastolica) e i 130-140 mmHg (150-160 per gli anziani) per la massima (pressione sistolica). Spesso non si conosce la causa di tale ipertensione, che viene detta essenziale. Tra i possibili fattori alla base della patologia i più importanti sono la familiarità (influenza genetica), le abitudini alimentari, il sovrappeso, la sedentarietà ed eventuali squilibri ormonali. L’ipertensione essenziale rappresenta la forma di ipertensione più diffusa in età adulta ed anziana (circa il 95% dei casi); solo in un piccolo numero di casi l’ipertensione è causata da lesioni renali, surrenaliche, tossiche ecc. e viene definita ipertensione secondaria.