Sport

Prodotto Novità

Aminoacidi Ramificati

BCAA con Vitamine B1 e B6

Acquista
€20,93anzichè €29,90
30% di sconto
Condividi su:
categoria:

PRIMA e DOPO l'attività

Aminoacidi Ramificati Matt è un integratore a base di aminoacidi a catena ramificata (BCAA), utile per colmare le carenze di tali nutrienti in caso di ridotto apporto con la dieta e per chi pratica sport. Il prodotto contiene BCAA (rapporto 2:1:1) e Vitamina B6, che contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento e, insieme alla Vitamina B1, al normale metabolismo energetico.

Barattolo da 120 compresse

Modalita' d'uso
si consiglia di assumere 4 compresse al giorno con un bicchiere di acqua.


Prodotto in Italia  |  Confezione da 130,5 g


 

L-Leucina; L-Isoleucina; L-Valina; agenti di carica: cellulosa, carbossimetilcellulosa sodica reticolata; agenti antiagglomeranti: biossido di silicio, sali di magnesio degli acidi grassi; Vitamina B6 (cloridrato di piridossina); Vitamina B1 (cloridrato di tiamina).

Contenuti medi per dose (4 compresse) %VNR*
L-Leucina 1,9 g    
L-Isoleucina 0,9 g    
L-Valina 0,9 g    
Vitamina B6 1,4 mg 100
Tiamina 1,1 mg 100

*VNR: Valori Nutritivi di Riferimento

Conservare in luogo fresco e asciutto. Il termine minimo di conservazione si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita. Non utilizzare in gravidanza, nei bambini, o comunque per periodi prolungati senza sentire il parere del medico.

AMINOACIDI RAMIFICATI:

Gli aminoacidi ramificati (BCAA dall'inglese branched-chain amino acid) sono i tre aminoacidi essenziali L-leucina, L-valina e L-isoleucina, chiamati in questo modo per la loro struttura chimica che forma delle ramificazioni. Le principali fonti di questi aminoacidi sono carne, latte e latticini, uova, pesci e legumi.
Sono tra i principali costituenti del muscolo scheletrico (35% degli aminoacidi essenziali delle proteine muscolari) e sono quindi fondamentali affinchè avvenga la costruzione del tessuto muscolare. Gli aminoacidi ramificati sono largamente utilizzati in ambito sportivo nel rapporto 2:1:1 (leucina, valina e isoleucina) in combinazione con vitamine B1 e B6.

LEUCINA:

Vedi Aminoacidi ramificati.

ISOLEUCINA:

Vedi Aminoacidi Ramificati.

VALINA:

Vedi Aminoacidi ramificati

VITAMINA B1:

Vedi Tiamina

TIAMINA:

La vitamina B1 o tiamina è una vitamina idrosolubile che prende parte alle reazioni del metabolismo energetico, promuovendo la trasformazione dei carboidrati in energia. Una carenza di tiamina determina l'insorgenza del beriberi (termine singalese che indica estrema debolezza) che esiste in tre forme: asciutta (o neurologico, quando la carenza di tiamina interessa il sistema periferico), umida (interessa l'apparato cardiocircolatorio) e Soshin (comporta un'insufficienza cardiaca globale che può essere fatale). Tutti gli alimenti di derivazione vegetale e animale contengono tiamina, in particolar modo frumento e riso integrale, carne, legumi, ortaggi. La tiamina contribuisce al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso, alla normale funzione psicologica e cardiaca.

SPORT AEROBICI E ANAEROBICI:

Gli esercizi di tipo aerobico richiedono un’attività moderata, durante la quale l’ossigeno risulta fondamentale per la produzione di energia e la contrazione muscolare. Tali attività richiedono sforzi fisici medio-bassi, ma prolungati nel tempo. Esempi di sport aerobici sono: nuoto, jogging, sci di fondo. Gli esercizi di tipo anaerobici richiedono invece sforzi intensi e di breve durata, come ad esempio salto in lungo, corsa veloce, salto con l’asta, salto in alto. Il punto in cui un esercizio da aerobico diventa anaerobico, detto anche “soglia aerobica”, è quello in cui inizia la produzione di acido lattico. Al di sotto di tale soglia il soggetto ha respirato correttamente ed i muscoli hanno ricevuto la giusta quantità di ossigeno per la produzione di energia. Quando l’allenamento inizia a diventare troppo intenso, i muscoli non vengono ossigenati sufficientemente, con la conseguente formazione di acido lattico che si accumula in essi e che viene poi smaltito nella fase detta di recupero.