Non è giovedì senza gnocchi

Precedente
Successivo

INGREDIENTI

(Per 4 persone)

 

PER GLI GNOCCHI

  • 1 kg di patate
  • 1 uovo medio
  • 200 g di farina “00”
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 30 g di polvere di pomodoro
  • Sale q.b.

PER LA SPUMA

  • 250 g di burrata
  • 150 g di panna fresca liquida
  • Sale e pepe q.b.

PER IL BASILICO CRISTALLIZZATO

  • 15 foglie di basilico fresco
  • 1/ 2 litro di olio per friggere

PER LA SALSA DI POMODORO

  • 1 litro di passata di pomodoro
  • 2 spicchi d’aglio
  • 20 g di olio EVO
  • 1 cipolla bionda
  • 10 foglie di basilico fresco
  • 1/ 2 cucchiaio di sale
  • 1/ 2 cucchiaio di zucchero
  • Pepe q.b.
  • 1 cucchiaino di concentrato doppio di pomodoro
  • 200 g d’acqua

PER DECORARE

  • 40 g di Crackerini Farro bio Matt frantumati
  • Fiori edibili

 

PREPARAZIONE

PER GLI GNOCCHI

Cuocere le patate in abbondante acqua salata partendo da freddo per circa 40′ dal bollore. Sciogliere la polvere di pomodoro nell’uovo e sbattere leggermente. Sbucciare e schiacciare le patate, unire l’uovo, il parmigiano, la farina e il sale formando un composto omogeneo. Formare gli gnocchi come da tradizione con la forchetta.

PER IL BASILICO CRISTALLIZZATO

Friggere per 3” il basilico in olio di semi a 180 gradi.

PER LA SPUMA

Salare e pepare la burrata, frullarla molto bene, aggiungere la panna, mescolare senza montare e filtrare direttamente nel sifone. Caricare con una bombola e far riposare in frigo 10′.

PERLA SALSA DI POMODORO

Rosolare la cipolla tagliata a pezzi insieme all’aglio e al basilico con l’olio EVO. Aggiungere la passata, l’acqua, il concentrato, il sale, lo zucchero e pepare. Far cuocere almeno 1 ora.

IMPIATTAMENTO

Cuocere gli gnocchi in acqua salata fino al galleggiamento. Scolarli, asciugarli su carta assorbente e passarli in padella con un filo di olio EVO fino a rosolarli.

Sul fondo del piatto mettere la salsa di pomodoro ben calda, adagiarvi gli gnocchi piastra ti, sifonare la spuma di burrata, completare con i Crackerini Farro bio Matt frantumati, il basilico cristallizzato e i fiori edibili.

Torna su